Regole di scrittura e pronuncia
del dialetto bresciano
 
Alcuni punti fondamentali di quelle che il Canossi chiamava regole di pronuncia (ma si tenga presente che si tratta anche di regole di rappresentazione segnica di un sistema fonologico):


* ed si pronunciano chiusi come nelle parole italiane "vena" e "Roma".
Es.: pl (pelo), tr (torre).

* ed si pronunciano come nelle parole italiane "servo" e "scossa".
Es.; pl (pelle), tr (toro).

* ed si pronunciano il primo come l'eu e il secondo come l'u dei francesi.
Es.: bl (turchino) si pronuncia come il francese bleu; mr /muro) si pronuncia come il francese mur.

* j si pronuncia molto limpido come nell'italiano "jettatore".

* s e z tra due vocali si pronunciano sempre come l's in "vaso"; z non ha mai il suono che ha nella parola italiana "ozio". Dopo una consonante si pronuncia talvolta come nella parola "romanzo".
Es.: franza (frangia); pi spesso come l's in "denso": es. pitanza (pietanza).

* ss e zz si pronunciano come l's semplice nella parola "denso".
Es. passa (appassita); mazzada (mazzata).

* d e v in fine di parola hanno rispettivamente il suono di t e di f.
Es.: crd (crede), ciav (chiave); che si pronunciano crt, ciaf.

* cc in fine di parola hanno il suono molle del c italiano in bacio.
Es.: macc (matti), rcc (reti), visticc (vestiti).

(Cfr. Angelo Canossi, Melodia e Congedo, a cura di Aldo Cibaldi, Brescia 1962)

  

Cara el me Burtulì,
sté liber 'l-h scrit mé,
e, sè tè 'l lèzet bé,
mé n gh gnènt dè dì:
ma sè tè 'l lèzet mal,
fil car, alura pò
fal pr passà pèr tò,
chè tè mè fé 'n regal.


Angelo Canossi

La tradizi l' chl
salvadenr ch
conserva 'l talnto di
ns vci; per tignil
dessdat e ch 'l s me
a menem gh'l faga
'na quac znta d
palanchine ne.

Aldo Cibaldi